• Simonetta Ottone

Stalking: sai come si vive?

Laura è una ragazza vivace, sorridente, positiva. Non la vedo da un po’ di tempo, più rari i suoi sorrisi. Abbiamo modo di parlare, e inizia a raccontarmi; è generosa, perché parla di sé, di una storia che le ha bruciato i capelli, l’ha tenuta sveglia per mesi, le fa guardare ancora alle spalle, non le ha fatto credere più a niente. La vita non mi piace più, mi scrisse.

Laura, hai voglia di raccontarci qualcosa di quella storia?

• Conobbi questo ragazzo su internet, abitava vicino casa mia, ma ci siamo scritti per mesi e mesi in amicizia. Dopo mesi di tentativi nel voler uscire con me, accettai. Uscimmo qualche volta e iniziammo una storia. Tutto normale nella regola, fino a che lui iniziò ad avere forti sbalzi di personalità. Decisi così di lasciarlo, perché non volevo assolutamente una persona instabile. Lui capì e tranquillamente accettò la mia situazione.

Però dopo un mese e mezzo, mi accorsi che mi inseguiva con l’auto. Avevo un appuntamento con delle amiche e me lo ritrovai davanti, cercò di nascondersi sotto il volante, io mi spaventai perché aveva un viso stranissimo, così scappai da quel parcheggio e vidi che mi inseguì. Fui terrorizzata ed non tornai a casa a dormire ma rimasi da una amica.

Il giorno dopo andai a casa e la signora che puliva le scale mi informò che un ragazzo era andato davanti alla mia porta di casa ed aveva tirato fuori tutte le mie scarpe (avevo la scarpiera sul pianerottolo delle scale) e che lui dopo aver buttato all’aria le mie scarpe andò via canticchiando. Mi prese il panico, capì che la cosa era più seria di quel che pensavo.

Da li iniziò il mio incubo, lui mi inseguiva, lui mi tagliava le gomme dell’auto, io vivevo nel terrore di trovarmelo al finestrino dell’auto o sotto casa.

Tutti i giorni ero in polizia a chiedere aiuto. La polizia all’inizio titubante, dopo mi ha creduto e mi sono stati molto utili. Purtroppo dovetti iniziare una vita di schiavitù, dovevo sempre essere scortata, non uscivo più da sola, dovetti cambiare più case e cambiare tutte le mie abitudini, cambiare numero di telefono, cancellarmi da tutti i social…

Fino a che un giorno che si azzardò a tagliare anche le ruote al mio socio che sempre mi scortava, partì la tutela cautelare, non poteva avvicinarsi a me, doveva restare lontano oltre i 500 metri.

Da quel momento si calmò, non mi ha più contattato, ma io sono stata male ancora per molto tempo. Questa situazione mi creò gravi problemi emotivi ed economici, spesi tutti i miei risparmi, per cambiare casa e per vivere lontano dal lavoro, tutt’oggi non sono riuscita a levarci le gambe, mi porto gli strascichi economici di quella situazione, e qualche danno emotivo, mi salta fuori la paura che possa osservarmi, e so che lo fa perché mi arrivano delle notifiche su social, ma adesso ho un lavoro che devo pubblicizzarmi e stare al pubblico e non ho più voglia di rinunciare alla mia vita per questa situazione.

Che ostacoli hai trovato e trovi tuttora nel ricevere giustizia e porre rimedio ai danni subiti?

Guarda è stato difficile farmi credere, poi anche quando ti credono e ti aiutano, devi portare le prove, per cui non è semplice, perché in quei momenti di panico pensi a salvarti e non a fare fotografie per dimostrare che la persona ti molesta o ti insegue, a volte sono attimi, magari passava in moto velocemente e si accostava al finestrino mentre guidavo, che facevo? Lo fotografavo? O magari passava sotto casa, senza scendere dall’auto che facevo lo fotografavo dal terzo piano? L’unica cosa che feci è quando cambiai casa, scelsi un palazzo dove erano installate le telecamere della gioielleria che era a fianco al portone, ed un’altra casa aveva di lato al portone un bar molto frequentato giorno e notte così da avere sempre persone vicine a me.

Ma è tutto difficile, sono andata avanti l’ho denunciato ed ho vinto la causa, lui si è preso 1 anno con la condizionale, ma la cosa assurda è che per avere il risarcimento devo pagare l’avvocato e non ho adesso fondi per andare avanti. Per cui ancora non sono riuscita a ricevere nessun risarcimento neanche quello richiesto dal Giudice Penale, il risarcimento non rientra nel patrocinio dello Stato se superi un limite di reddito. Per cui sono qua che aspetto di avere soldi per andare avanti e riprendermi il risarcimento del danno subito.

Cosa ti ha lasciato tutto questo nei rapporti con gli uomini e le persone che ti stanno intorno?

Più che delle persone intorno a me, sono rimasta delusa da me stessa. Mi sono sempre reputata una persona intelligente e mi sono chiesta come non ho fatto capire il pericolo e la follia di questo ragazzo. Non ho avuto nessun segno di allarme, quando realizzando a freddo potevo capire da subito. Non mi sono data pace per anni, poi boh credo alla fine che forse dovevo imparare qualcosa dalla vita, dovevo imparare ad essere più prevenuta e più cauta, e chiedere informazioni. Ho ritrovato la serenità e non ho problemi con il mondo esterno, ma solo con me stessa.

Secondo te, sono diffuse situazioni di stalking? Come ci si sente a parlarne?

Si sono molte diffuse, ora la mia è stata particolare perché alla fine ho ricevuto stalking da una persona che conoscevo a malapena, però sento persone vicine a me con problemi simili ma sempre da ex mariti, ex compagni, specialmente se con figli nel mezzo, e purtroppo molte di loro subiscono in silenzio proprio per la serenità dei figliE’ un grave problema, dovuto credo alla mentalità degli uomini italiani, specialmente quelli che provengono da mentalità chiuse dove ancora la donna è considerata una proprietà, e se quella donna ha partorito tuo figlio, è ancora più Tua, e non deve permettersi di lasciarti neanche se tu la tratti male o la ignori. Secondo me un grande problema in questa attitudine di molti uomini è l’educazione che ricevono. Sono molte le mamme che viziano i figli e permettono di farsi calpestare e farsi trattare da schiavette a disposizione di mariti e figli, trasmettendo ai figli maschi l’idea che una donna sia un oggetto, un oggetto da usare a proprio piacimento.

dal Blog Politica Femminile

11 visualizzazioni
  • Facebook
  • You Tube
  • Instagram
  • Newsletter
Via Strozzi, 40 - 57123 Livorno " Italia"
Tel. +39 347 1881957 - info@simonettaottone.it

© 2020 by Simonetta Ottone - Concept by Ash Tawfik

simonettaottone_home_Logo.png